mercoledì 28 luglio 2010

Le donne che leggono sono pericolose


Le donne che leggono sono pericolose perché non si annoiano mai e qualunque cosa accada hanno sempre una via di fuga..

Charles Edward Perugini
****

Henri Matisse
****

Harriet Backer

****

Frank Weston-Benson

****

Alberto Pisa

****

José Ferraz de Almeida Jr.

****

Jean-Baptiste Camille Corot

****

Tamara de Lempicka

****

Vincent Van Gogh

****

Claude Monet

****

Edward Hopper

****

Ivan Kramskoy

****

Alexander Deineka
****

Pierre-Auguste Renoir

****

Jan Veermer

****

Iman Maleki

****

Jean Honoré Fragonard

**** Giacchino Toma

****

Silvano Gamba

**** Pablo Picasso
****



La lettura è un atto di isolamento amichevole. Quando leggiamo, diventiamo irraggiungibili. Forse è questo che per molto tempo ha interessato i pittori nel ritrarre i lettori: di mostrare alla gente quello stato di profonda intimità che è escluso agli altri..


[da Le donne che leggono sono pericolose di Stefan Bolmann]





.


3 commenti:

Anonimo ha detto...

Grazie per avermi fatto conoscere Iman Maleki, splendida scoperta di questa sera. Grazie, grazie! :)
Camilla

Anonimo ha detto...

Post meraviglioso.

Kartisia

milcham ha detto...

io amo leggere! è assurdo, ma è proprio quando leggo che vivo davvero!lo farei sempre, in ogni momento della giornata....amo nascondermi in qualche angolo buio della casa per non far vedere a nessuno che sto piangendo mentre leggo qualche libro che sembri parlare direttamente alla mia anima è un'emozione così intensa!
adoro i libri malinconici, perchè toccano la parte più nascosta di me...io credo che la tristezza e la paura siano i due aspetti più caratterizzanti di noi...la nostra essenza!
amo il lieto fine..forse nella realtà davvero non esiste,ma perchè non sognarlo? una cosa bisogna esistere per essere pensata?
però la lettura se da un lato ti avvicina a te stessa/o dall'altro ti allontana dagli altri..voglio leggere,conoscere e conoscermi..ma più leggo e più mi rendo conto che è molto facile vivere una vita di tristezze....purtroppo si cresce e a volte nessun libro riesce a sostenerti...