lunedì 13 dicembre 2010

difendiAMO LA CULTURA

Più volte Facebook è stato usato come mezzo per creare e diffondere catene di solidarietà (punto a favore? mm..), come quella a sostegno della lotta contro il cancro con i nastri rosa o quella per la settimana dei diritti all'infanzia con i cartoni animati. In questi giorni, studenti e non, hanno fatto avanzare impavidi la loro protesta facendosi scudo simbolicamente con le copertine dei libri: l'iniziativa si chiama, per l'appunto, "Un libro nel profilo come scudo contro l'ignoranza".

Dal 10 al 14 dicembre, a sostegno della lotta che gli studenti stanno continuando, per fermare il decreto legge, siete invitati da ora fino al giorno in cui la riforma sarà votata al Senato a sostituire la vostra immagine del profilo con quella di un libro a voi caro. La conoscenza rende liberi, il sapere è nei libri.

Forse molti di voi potranno pensare che sia totalmente inutile, che questo non possa cambiare niente, ma se non crediamo davvero nei nostri ideali, se non proviamo nemmeno a difenderli perdiamo prima ancora di cominciare la battaglia..i modi per sensibilizzare e comunicare, in maniera pacifica, sono sempre i migliori e vengono assoltati, anche se sembra che non sia così, perchè sono quelli in cui davvero crediamo! E se credi niente è impossibile!


Il mondo è un libro e quelli che non viaggiano ne leggono solo una pagina..

Sant'Agostino




link all'evento su Facebook


.

1 commento:

Anonimo ha detto...

Ciao, per caso ho messo "piede" nel tuo blog, in realtà cercavo la Lempicka. Ho letto questo e ho visitato anche l'altro sull'arte.
Purtroppo ho imparato che i movimenti di sostegno come cambiare l'immagine sul prpprio profilo servono a poco. Parliamo di "sensibilizzazione" al problema ma per molti è un sentito dire e un copiare da scimmie ciò che fanno gli altri. Parole un po' dure me ne rendo conto. Ma non vedo via d'uscita a quella che mi sembra una situazione che va, giorno per giorno, diventando un enorme circo al quale assisitiamo senza renderci conto che i trapezzisti senza gancio di sostegno siamo noi cittadini.
Nessuno sembra farci caso, forse qualcuno sì, non ho molti riscontri ultimamente ancheperché ho un fegato solo...
Comunque, interessante il blog :)